Discussion about terms of use is ongoing | 4th General Meeting

Simbolismo anarchico

Da Anarcopedia.

(Reindirizzamento da simbolismo anarchico)
Per approfondire, vedi Simbolismo.

Il simbolismo anarchico permette di rappresentare con dei simboli le idee dell'anarchismo, le sue correnti e i suoi principi. [1]

Indice

Simboli principali

I principali simboli anarchici sono la Bandiera Nera, la A Cerchiata e la Bandiera Rosso-Nera. Quest'ultima è una derivazione della prima, che è in realtà il simbolo per eccellenza dell'anarchismo, ma è diventa così diffusa e conosciuta che la si può certamente annoverare tra i tre principali simboli anarchici.

La bandiera nera

Bandiera Nera Anarchica
Vedi, Bandiera Nera.

Ci sono ampie tracce storiche dell'uso della bandiera nera. Già durante la rivolta dei Canuts di Lione del 1831 gli operai dell'industria della seta scrissero su drappi neri il loro proclama di lotta: «Vivre en travaillant ou mourir en combattant» (“Vivere lavorando o morire combattendo”). [2]

Il riferimento più celebre è però senza dubbio quello costituito dal gruppo di Nestor Makhno durante la rivoluzione ucraina. Sventolando la bandiera nera, il suo gruppo armato liberò una grossa parte dell'Ucraina. È bene precisare che non è stata la prima occasione dell'uso della bandiera nera da parte degli anarchici: andando a ritroso nel tempo, nel 1910 Emiliano Zapata usò la bandiera nera. Tale simbolo si diffuse rapidamente in tutto il mondo, ma proprio in tutto. Come esempio della sua diffusione basta citare che nel 1925 gli anarchici giapponesi formarono la “Lega Nera” e, quando la loro federazione si rifondò nel 1945, il loro giornale fu chiamato «Kurohata», che significa “Bandiera Nera”.

Se si vanno a cercare le radici storiche della bandiera nera, si deve constatare che la sua origine è piuttosto oscura. Secondo lo storico dell'anarchismo Gorge Woodcock, la prima volta che la bandiera nera appare pubblicamente è dovuta alla pensatrice anarchica, ed eroina della Comune, Louise Michel, che la fece sventolare il 9 marzo 1883 durante le manifestazioni dei disoccupati di Parigi. Questa tesi è stata storicamente contraddetta da ricerche più recenti, le quali però non riescono a fare piena luce sulla precisa origine della bandiera. Quel che è certo, è che nei primi "anni 80" del XIX secolo gli anarchici iniziano ad usare simboli nei quali è presente il nero: è il caso del gruppo di Chicago “Internazionale Nera”, della rivista anarchica francese «Le Drapeau Noir».

Fino ad ora, escluse poche tracce, non si trova l'uso della bandiera nera durante gli "anni 70" del XIX° secolo. Certamente non è un caso poiché in tale periodo gli anarchici hanno aderito a lungo alla Prima Internazionale, con conseguente uso della bandiera rossa. Lo spostamento dalla bandiera rossa, simbolo della rivoluzione, verso quella nera va collocato storicamente proprio a cavallo tra gli "anni 70 ed 80" del XIX secolo, periodo durante il quale si verifica il profondo cambiamento del movimento socialista. Il marxismo diviene la corrente predominante, passa dalla concezione rivoluzionaria della via da seguire a quella riformista e parlamentarista. Tale corrente principale del socialismo si appropria dell'uso della bandiera rossa.

Questo per quanto riguarda l'origine del simbolo. Sul suo significato è stato scritto e ricercato molto; l'argomento potrebbe essere oggetto di un documento futuro.

La bandiera rosso-nera

Bandiera rosso-nera associata spesso alla corrente anarco-sindacalista
Vedi, Bandiera Rosso-Nera.

La bandiera rossa si è strisciata di nero nel 1871, in segno di lutto per i caduti della Comune di Parigi. Ed anche il fiocco alla Lavallière, indossato tutt'oggi dagli anarchici (specie in occasione di commemorazioni), rappresenta un brandello di quella bandiera.

Murray Bookchin reputava che la bandiera rosso-nera si trattasse di una creazione degli anarchici spagnoli fin dalla costituzione della CNT nel 1910. A partire da questa considerazione è spiegabile come la sua diffusione sia stata repentina in tutti i paesi neolatini, quelli maggiormente in contatto con la Spagna. Basta citare la presenza di bandiere rosso-nere sia durante il biennio rosso in Italia sia il loro uso da parte di Augusto Sandino in Nicaragua. Lo storico americano Donald C. Hodges spende molte pagine circa l'origine anarco-sindacalista del movimento sandinista. E' noto, oggi, come questa considerazione di Murray Bookchin sia errata. E' vero che la bandiera rosso-nera è sempre stata presente in Spagna, ma non è vero che la sua “invenzione” sia da attribuire alla CNT, anzi: la bandiera rosso-nera non si è diffusa dalla Spagna al resto del mondo neolatino ma, al contrario, si è diffusa da due paesi neolatini verso la Spagna. Per molti storici (ed anche per molti anarchici) la bandiera rosso-nera è associata con l'anarco-sindacalismo, più che con l'anarchismo. Nonostante questa considerazione, la prima apparizione di una bandiera rosso-nera è tutta italiana e precedente alla nascita del sindacalismo.


La A cerchiata

La "A" cerchiata, uno dei simboli del movimento anarchico
Vedi, A cerchiata.

La (A) è certamente il simbolo più famoso di tutto il movimento anarchico ma anche – per ironia della sorte – quello del quale si conosce meno! Secondo alcuni storici e parecchi anarchici, la "(A)" è il simbolo più famoso perché si presta meglio ad essere graffitato sui muri. In accordo con Peter Marshall (P. Marshall, “Demanding the impossible”), alcuni anarchici vedono l'origine simbolica della (A) nella massima di Pierre Joseph Proudhon “Anarchia è Ordine”, che in inglese è «Anarchy is Order» (ed anche in tutte le altre lingue occidentali le due parole iniziano con A e O) [3].

Il primo uso che si ricordi della (A) da parte di anarchici, è avvenuto, secondo altri, nell'ambito del consiglio federale di Spagna della Associazione Internazionale dei Lavoratori. Questa era stata messa in piedi dal massone Giuseppe Fanelli, nel 1868.[4]

In realtà, la (A) è un fenomeno relativamente recente dell'iconografia libertaria: è stata inventata nel 1964 da un famoso gruppo francese, Jeunesses Libertaires, che la utilizzò come proprio simbolo (Tomas Ibañez ne fu l'ispiratore e René Darras il realizzatore grafico), ma già nel novembre 1956 (25 novembre 1956), alla sua fondazione avvenuta a Brussel, la Alliance Ouvriere Anarchiste (AOA) aveva usato il simbolo. Nel 1966 la (A) venne ripresa, su proposta di Amedeo Bertolo (militante e scrittore anarchico), dalla Gioventù Libertaria di Milano, che aveva rapporti fraterni con i giovani libertari parigini. È da allora che comincia la vita pubblica del simbolo: le prime volte che lo si è visto, infatti, è proprio a Milano, dove serve come firma sui volantini e sui manifesti dei giovani anarchici, inizialmente associato al segno antinucleare e alla "mela" dei provo olandesi. La (A) si diffonde dapprima in Italia e poi in tutto il mondo, ma non ce n'è quasi traccia nel maggio parigino del 1968, e le sue prime notevoli apparizioni fuori dall'Italia sono databili al 1972-1973. E' per l'appunto all'inizio degli anni '70 che esplode la moda della (A), di cui si approrpiano i giovani di tutto il mondo.

Oggi la (A) è una delle immagini di maggior successo nell'intero ambito dei simboli politici. La sua «incredibile semplicità e immediatezza la hanno resa il simbolo riconosciuto del movimento anarchico rinforzatosi dopo la rivolta del 1968» in particolar modo perchè in molti se non la maggior parte, dei linguaggi del mondo la parola "Anarchia" inizia per A. [Peter Peterson, Op. Cit., p. 8].


Adattamenti della bandiera nera

Dentro i vari ambiti dell'anarchismo, sono varie le correnti e i movimenti che hanno utilizzato come propria bandiera un adattamento della classica bandiera nera anarchica. Si tratta di bandiere bipartite, divise diagonalmente in due parti con la metà destra in nero per l'anarchia e la metà di sinistra in un colore che rappresenta le idee di ogni corrente di pensiero. I modelli di colore sono estesi anche a stelle a cinque punte che rappresentano le stesse correnti. L'esempio più classico è quella rosso e nera del anarco-comunismo e dell'anarco-sindacalismo, sulla base della quale ne sono state concepite delle altre sostituendo il rosso con il verde (anarchismo verde), con il bianco anarcopacifismo), con il rosa (anarco-femminismo), con il fucsia (anarchismo queer), ecc. In ogni caso, tutte queste correnti, tendono ad evidenziare la loro matrice anarchica (dimostrata dal colore nero) che porta all fin fine ognuno di queste tendenze a mirare agli stessi obiettivi: Anarchia e Libertà.

Bandiera Verde-Nera

Bandiera verde-nera dell'anarchismo verde

La bandiera verde-nera è il simbolo dell'anarchismo verde e dell'ecologismo radicale.

Bandiera bianco-nera dell'anarcopacifismo

La bandiera nero-verde è una modifica della bandiera rosso-nera. Questo simbolo viene utilizzato dagli esponenti dell'ecologismo e dell'anarchismo, dell'ecologia sociale e i primitivisti.

Bandiera fucsia-nera dell'anarco-femminismo

Simboleggia anche una visione dell'anarchismo incentrata sul rispetto di tutte le forme di vita (esseri animali umani e non-umani, piante) e il rifiuto dell'antropocentrismo.

Bandiera rosa-nera dell'anarchismo queer

Bandiera Bianco-Nera

La bandiera bianco-nera, che combina il nero dell'anarchismo con il bianco del pacifismo è il classico simbolo del Pacifismo anarchico. Rappresenta un ideale pacifista ma al contempo rivoluzionario e non violento.

Bandiera Fucsia-Nera

La bandiera fucsia-nera combina il colore nero dell'anarchismo e il colore fucsia associato al femminismo e rappresenta il movimento anarco-femminista. La sua maggior utilizzazione avviene negli ambiti dei collettivi libertari femminili o in quelli che appoggiano l'emancipazione femminile.

Bandiera Rosa-Nera

Questa bandiera combina il colore nero dell'anarchismo con il rosa del movimento LGTB e queer), rappresentando la solidarietà degli anarchici verso il movimento volto alla libertà sessuale. Questa bandiera è spesso utilizzata dagli anarchici gay e lesbiche. Frequentemente si utilizza per mostrare il sostegno degli anarchici a tutti coloro che lottano contro il sessismo e il machismo, mostrando solidarietà ai gruppi LGTB attaccati dall'estrema destra.

Altri simboli

Il gatto selvaggio (nero) è un simbolo importante dell'anarco-sindacalismo

Gatto selvaggio

Il simbolo del gatto nero e selvaggio è legato ai movimenti sindacali americani, soprattutto al più noto, l'IWW (Industrial Workers of the World). Il primo esempio verificabile del simbolo del gatto viene da una poesia di Ralph Chaplin The Harvest Song, pubblicata 1913 sul periodico anarco-sindacalista dell'IWW Solidarity, dove è utilizzato per rappresentare l'azione diretta, lo sciopero generale e il sabotaggio, che sono i principali strumenti di lotta degli operai sul posto di lavoro (con il boicottaggio e l'occupazione).

L'ultimo verso di una poesia di Ralph Chaplin, in cui si deplora l'ingiustizia della situazione del lavoratore e fa l'apologia del sabotaggio, propone di scatenare il sab cat, se i lavoratori non avranno ciò che è loro dovuto:

«La terra è sul bottone che portiamo noi del sindacato. \ Noi scateneremo il gatto del sabotaggio se non avremo quel che ci spetta!»

Il gatto è stata così utilizzato come simbolo d'indipendenza, perché si aggira prevalentemente di notte (in alcune immagini lo si rappresentava su una barriera dietro alla quale dormono i borghesi sotto la luna piena) e con l'idea di spaventare il padronato grazie alla semplice presenza di quell'immagine. L'idea del sabotaggio è anche paragonabile al fatto di portare un gatto nero al padrone per portagli iella.

File:Black star.svg
La stella nera

Il gatto è stato utilizzato in diverse immagini dai sindacalisti dell'IWW (talvolta è stato addirittura travestito da sfinge) e compare all'inizio con i tratti di un soriano. Prende rapidamente la forma più stilizzata del gatto nero disegnato da Ralph Chaplin nel 1915. In una fase successiva viene ridisegnato da Alexis Buss che gli conferisce un aspetto più selvaggio.


Stella nera

La stella nera a cinque punte è un comune simbolo dell'anarchia (adottato anche da Anarchopedia) riccorrente negli emblemi di molti gruppi anarchici. Essa compare anche nel simbolo dell'Internazionale delle Federazioni Anarchiche.


La fiaccola dell'anarchia

Fiaccola

La fiaccola, simbolo della ragione e della libertà, era in passato rappresentata su numerose bandiere anarchiche ed ancora oggi costituisce l'emblema di vari gruppi anarchici.

La rosa nera

Rosa nera

La rosa nera è un simbolo del movimento anarchico raramente utilizzato.

Il pugno come forza derivante dall'unione

Black Rose Books (Libreria Rosa Nera) è il nome di una libreria anarchica di Montreal, di un infoshop anarchico di Portland, Oregon, ed il nome di un opuscolo del filosofo anarchico Dimitrios Roussopoulos. Black Rose (Rosa Nera) è la testata di un giornale di Boston degli anni '70, così come il nome di una serie di conferenze e letture portate avanti da molti anarchici e socialisti libertari (come Murray Bookchin e Noam Chomsky) durante gli l'ultimo decennio del XX° secolo.

Pugno

Il pugno alzato è un saluto da sempre utilizzato dagli anarchici. Originariamente il saluto veniva effettuato con il braccio sinistro, poi, in segno di distinzione con i militanti di area marxista, passò al braccio destro. Il principio del pugno è un simbolo di unità e di solidarietà, come risultato di dita ciascuna delle quali deboli che si uniscono per creare qualcosa di potente. Le dita sono state interpretate anche come rappresentazione delle divisioni nel movimento operaio che, una volta superate con lo studio e la lotta, creano tutte insieme uno strumento forte e potente come un pugno. Durante la guerra civile spagnola (1936-1939) era noto come saluto antifascista.

Simbolo squatters

Squatters

Il simbolo squatters viene utilizzato dagli occupanti di edifici e case. A volte come un graffito, molto spesso sui muri del palazzo occupato. Talvolta viene utilizzato nella progettazione grafica di manifesti e volantini. Il simbolo potrebbe aver avuto origine in uno squat di Amsterdam (Paesi Bassi) nei tardi anni settanta. Non è una prerogativa anarchica.

Note

  1. Il seguente articolo è stato estratto in parte da Contropotere
  2. «La bandiera di lotta del movimento operaio era tradizionalmente quella rossa, usata come segnale di adunata in varie manifestazioni, in particolare nella Comune di Parigi (1871). ...»
  3. SIMBOLO DELLA A E DELLA O SOVRAPPOSTE:
    • «Compagni, personalmente credo che il simbolo "a" "o" derivi sì dalle iniziali di ordine e anarchia ma non significhi anarchia e ordine bensì ordine in anarchia, order in anarchy, da un filosofo inglese di cui non ricordo il nome (l'utente si riferisce a Proudhon, n.d.r)... il significato filosofico cambia notevolmente in quanto l'ordine senza governo è facilmente visibile in molte forme di bellezza e armonia naturale dove l'equilibrio non è soggetto a leggi poste da un governo, ma dalla natura stessa... essendo l'uomo parte della natura, può quindi vivere su soliderietà e amore, sentimenti derivanti direttamente dall istinto di riproduzione e salvaguardia della specie». (Considerazione di Elchevive76 )
    • «Il fatto è che la (A) la interpretano come vogliono. In fondo anche la croce celtica ha un cerchio, però non vuol dire Ordine secondo me, e nemmeno per la (A), infatti si chiama A-CERCHIATA, non A & O». (Demo, Bassa Ossola, 16 anni)
  4. 'La Masonería y el movimento obrero' di Alberto Valín Fernández.

Bibliografia

  • Gli Iconoclasti, Gianluca Chinnici, A-cerchiata. Storia veridica ed esiti imprevisti di un simbolo, Milano, Elèuthera, 2008.

Voci correlate

Collegamenti esterni


Hanno contribuito
alla stesura di questa
voce i sostenitori dell'anarcopyright.
Strumenti personali